Archivio tag: salasso

Matilde Poggi (Le Fraghe): la mia idea del Bardolino Chiaretto

MatildePoggi
Una piccola intervista sulla situazione dei Chiaretti e dei rosati in Italia ad un produttore molto rappresentativo. A rispondere è Matilde Poggi, eccellente produttrice, con l’azienda agricola Le Fraghe di Cavaion Veronese, di Bardolino e Bardolino Chiaretto (il Rodòn viene considerato ogni anni tra i più significativi), nonché presidente della Fivi, Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti, che giusto sabato 28 e domenica 29 novembre a Piacenza Expo terrà la quinta edizione della propria Mostra Mercato.

Cosa significa per te, produttrice gardesana e di ottimo Bardolino produrre un Bardolino Chiaretto? Si tratta solo di una scelta naturale dettata dal voler ricollegarti ad una consolidata tradizione locale o per te il Chiaretto d il fatto di produrlo ha un significato particolare?

Principalmente il Chiaretto rappresenta per me un vino di territorio con una lunga tradizione. Personalmente inoltre amo molto i vini rosati e li bevo spesso. Continua a leggere

Toscana Rosato Igt 2014 Sanlorenzo

RosatoSanLorenzo 002Expo è finita, deo gratias, ma una certa idea del vino un po’ di plastica e un po’ furbesca, che ha il proprio simbolo nei cosiddetti vini dei Vip (attori, cantanti, presentatori televisivi, ecc.) prodotti ovviamente da winemaker consulenti ubiquitari, continua ad imperversare. Più tra i vini rossi che tra i rosati, per fortuna.

Un’idea del vino che non mi piace e che non troverà spazio su Rosé Wine Blog, e che per fortuna è contraddetta e combattuta, con i fatti, da tantissimi vignaioli veri che il vino lo fanno, e lo onorano come Bacco comanda, che non si sognerebbero mai di rincorrere le guide e di ricorrere all’enologo consulente che il vino lo fabbrica, lo vende, e riesce a farlo premiare (tutto compreso nel pacchetto), vignaioli che lavorano duramente in vigna e lo si vede dalle loro mani, quando hai il piacere di incontrarli.

E pensando con gratitudine a questi vignaioli, a questo onesti e seri servitori del vino italiano, alieni da protagonismi, umili, concreti, degni di fiducia da parte del consumatore, ho pensato, tra i tanti nomi e volti che mi si sono affacciati alla mente, a quello di Luciano Ciolfi, conduttore, insieme al padre Paolo e al nonno Bramante di quella bellissima realtà, a Montalcino, chiamata SanLorenzo. Continua a leggere